Skip to main content

Topic outline

  • RAZIONALE

    Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di mortalità nei paesi industrializzati e si prevede che lo diventino in tempi brevi anche nei paesi in via di sviluppo. Il nostro Paese non fa eccezione e questa diffusione delle malattie cardiovascolari ancora oggi costituisce il più importante problema di salute per il rilevante impatto in termini di mortalità, morbilità e disabilità: chi sopravvive ad un evento acuto diventa in buona sostanza un malato cronico con notevoli ripercussioni sulla qualità della vita.

    Lo scompenso cardiaco è la malattia ad andamento cronico più complessa da gestire in termini di qualità e quantità della vita. Il paziente molto spesso si trova in solitudine a dover affrontare situazioni complicate, senza avere un riferimento certo. Questa situazione comporta instabilizzazioni e/o ricoveri con un costo sociale ed economico rilevante per la collettività. Una perfetta conoscenza della fisiopatologia e delle importanti novità in termini di trattamento, farmacologico e non, è “conditio sine qua non” per apportare un beneficio al paziente.

    In questo ambito, l’evento si pone l’obiettivo di formare i partecipanti sulle recenti novità terapeutiche introdotte dall’approvazione degli SGLT2i per la gestione dei pazienti con scompenso cardiaco. Inoltre, attraverso un workshop interattivo, attraverso la metodica del Problem Solving Strategico, i partecipanti valuteranno criticamente tutte le evidenze dei nuovi farmaci, affrontando in maniera strutturata le eventuali barriere all’implementazione delle raccomandazioni delle linee guida.